Gli avvocati della Francia online!


Patto internazionale sui diritti civili e politici


Il patto internazionale sui diritti civili e politici (ICCPR), è stata adottata a New York il sedicesimo giorno del dicembre dall'Assemblea generale delle Nazioni unite nella sua risoluzione A (XXI)Esso comprende i diritti e le libertà del classico che proteggere gli individui contro le interferenze da parte dello Stato, come il diritto alla vita, divieto di tortura, la schiavitù e il lavoro forzato, il diritto di libertà, ecc, L'Alleanza è integrata da due protocolli: del sedici dicembre e il ° vieta la pena di morte, alla data di quindici giorni di dicembre. Il Patto II dell'onu è entrato in vigore dopo la ratifica da trentacinque Membri, in ventitre marzo.

È, in linea di principio, direttamente applicabili dai giudici degli Stati firmatari.

Dopo aver votato la Dichiarazione universale dei diritti umani, l'Assemblea generale convocata per una Carta dei diritti dell'Uomo, che sarebbe vincolante. Ha, quindi, stabilito una Commissione sui diritti Umani, responsabile del progetto. Il progetto si conclude dopo due lunghi anni di trattative, nel contesto della guerra fredda, due testi complementari, il Patto internazionale sui economici, sociali e culturali (ICESCR) e POLITICI.

Fatto a New York il diciannove del mese di dicembre, non sarà ratificato dalla Francia alla fine dell'atto di venti-quinto di giugno, entrando in vigore il quattro febbraio. Esso è composto di diciotto esperti indipendenti, che si incontrano tre volte all'anno per esaminare i rapporti degli Stati parti e formulare raccomandazioni sull'attuazione del patto, in forma di osservazione e condizioni'.

Nel caso di stato di emergenza, previsto dall'articolo quattro dello STATUTO, può forse rendere le relazioni speciali. Un protocollo opzionale, ratificato da oltre cento paesi, permette alle persone di inviare le comunicazioni (reclami) dei singoli per l'osservanza del Patto da parte degli Stati che hanno ratificato il protocollo aggiuntivo."Negli Stati In cui esistono minoranze etniche, religiose o linguistiche, gli individui appartenenti a tali minoranze non possono essere privati del diritto, in comunità con gli altri membri del loro gruppo, di godere della propria cultura, di professare e praticare la propria religione, o di usare la propria lingua."Il primo protocollo facoltativo prevede un meccanismo in grado di risolvere i reclami relativi alla violazione del Patto da parte di uno Stato firmatario. È stato votato come l'Alleanza stessa, il sedicesimo giorno del dicembre dall'Assemblea generale ed è entrato in vigore il ventitré marzo. Il diciannovesimo gennaio, era stato firmato da gli Stati Il secondo protocollo opzionale vieta la pena di morte. È stato votato il quindicesimo giorno del mese di dicembre, dall'assemblea generale ed è entrato in vigore l'undicesimo luglio. Il diciannovesimo gennaio, era stato firmato da Stati Secondo un rapporto del Consiglio dei diritti umani delle Nazioni unite nel luglio, paesi hanno ratificato il secondo protocollo opzionale.